© 2023 Studio Emme della dott.ssa Mariangela Moretto p.i. 02435900747

  • Grey LinkedIn Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Facebook Icon
LOGO-NAZIONALE.png
Please reload

Post recenti

Obbligo di fornire il preventivo e nuova legge sulla concorrenza - legge del 4 agosto 2017, n. 124

August 31, 2017

1/1
Please reload

Post in evidenza

Guerrilla Marketing

October 2, 2017

Correva l'anno 1974 ed un gruppo di assistenti alla fotografia cercava di tenere a bada un gigantesco stormo di piccioni che volteggiavano su piazza San Marco, a Venezia, mentre dei loro colleghi distribuiscono del mangime sul pavimento: un'impresa ardua.

 

I fratelli Ferruzzi, fotografi professionisti, chiedono a Mirco Lion - loro dipendente - di coprire un'angolazione utile ad inquadrare e scattare una foto pubblicitaria che entrerà nella storia. Lion riuscirà a scattare quella foto e la scatterà in bianco ottico.

 

La scritta era già stata tracciata su tutta la piazza e gli assistenti distribuivano velocemente il mangime.

Ad un certo punto fu dato un "Via!" e tutti gli uomini impiegati iniziarono a camminare normalmente, come in una normalissima passeggiata.

 

La foto fece il giro del mondo e contribuì ad alimentare il mito della Coca Cola e del Guerrilla Marketing, una strategia pubblicitaria che solitamente viene realizzata con bassi budget ma che riesce a colpire l'immaginario dei destinatari ottenendo uno straordinario effetto di posizionamento, fissandosi nei ricordi delle persone.

 

Ci sono degli aspetti fondamentali che devono essere sempre presenti in una strategia di Guerrilla:

 

1. La comunicazione deve generare stupore

2. Stravolgimento delle convenzioni (disruptive)

3. Il messaggio deve essere semplice ed immediato, anche a costo di eliminarlo.

 

In realtà la prima vera definizione di Guerrilla Marketing venne data solo nel 1984 dal pubblicitario statunitense Jay Conrad Levison in un libro intitolato appunto "Guerrilla Marketing"  (Jay Conrad Levinson, Paul R. J. Hanley, Guerrilla marketing. Mente, persuasione, mercato, Castelvecchi Editore, 2007).

 

Le varie tecniche e strategie si sono poi affinate nel tempo ma pare che le prime azioni di questo tipo risalgano agli anni '50; alcuni audaci storici ipotizzano che strategie di guerrilla fossero utilizzate nel periodo di fine ottocento, quando alcuni ambulanti si organizzarono per vendere degli ombrelli durante le piogge improvvise.

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici